• Sara

Il cane abbaia di notte? Per la cassazione è un danno alla salute dei vicini

Se il cane in appartamento abbaia di notte, impedendo il riposo ai vicini, il proprietario dell'animale è costretto a risarcire profumatamente questi ultimi. A stabilirlo è la Corte di Cassazione, la quale ha dato ragione ad un uomo che ha denunciato il vicino di casa per i continui latrati notturni provocati dai suoi cani.





La mancanza di sonno provoca danni alla salute

La vicenda è, in realtà, più drammatica di quanto appaia; infatti il disturbo arrecato dai cani dei vicini, avrebbe portato alla perdita del lavoro del dirimpettaio che ne subiva gli ululati.

La mancanza di sonno ha causato all'uomo stress e malattie che lo hanno portato a richiedere numerosi giorni di assenza dal lavoro. Questa situazione, alla lunga, lo ha portato al licenziamento.

D'altra parte, i proprietari dei cani hanno affermato che non è dimostrabile un collegamento diretto tra il licenziamento e i rumori notturni condominiali.





La sentenza

Si evince, quindi, che quando il rumore provocato dal cane supera la normale tollerabilità, si incappa in sanzioni e violazioni di legge. In particolare, per la norma “chiunque, mediante schiamazzi o rumori, ovvero abusando di strumenti sonori o di segnalazioni acustiche, ovvero suscitando o non impedendo strepiti di animali, disturba le occupazioni o il riposo delle persone” può essere punito con l’arresto fino a 3 mesi e un multa fino a 309 euro.

Se la misura è violata da chi esercita una professione, la multa può salire a 516 euro.

Inoltre, i proprietari dei cani dovranno non solo risarcire il vicino, ma accollarsi anche le spese processuali pari a 2.700 euro.

36 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti