• Sara

Casa da ristrutturare: come venderla

In Italia è molto più comune di quanto si pensi, trovare sul mercato degli appartamenti che necessitino di interventi di ristrutturazione.







Secondo i dati Istat, infatti, circa l’80% del patrimonio immobiliare italiano è costituito da case costruite almeno 30 anni fa, con ben il 40% delle case risalenti addirittura al periodo tra le due guerre mondiali.


La domanda, di conseguenza, sorge spontanea: ristrutturare o no prima di vendere? La risposta, in realtà, non è immediata, ma si può prendere una decisione in base a due principali fattori: il tempo a disposizione e lo stato dell'immobile.


Il fattore tempo

A differenza degli immobili in buone condizioni, per quelli da ristrutturare vendere subito significa svalutare l'appartamento per un guadagno immediato. Ovviamente, nel caso in cui ci si avesse bisogno immediato di liquidità, non vi è alternativa, ma se si fosse disposti ad aspettare e a investire in una ristrutturazione, il valore dell’immobile subirà un incremento del proprio valore, portando un vantaggioso guadagno.





Lo stato dell'immobile

Per quando riguarda le condizioni dell’immobile, abbiamo 3 possibili scenari:

  1. Immobile inabitabile ricevuto in eredità: vendere senza ristrutturare potrebbe rivelarsi un'ardua impresa, ma non è sempre così. Molti acquirenti, infatti, in particolar modo gli investitori, potrebbero riconoscere un enorme valore nel tuo immobile da ristrutturare. I più richiesti sono gli immobili storici o collocati in zone particolarmente ricercate, la cui ristrutturazione permette di restituire una casa di pregio, da cui è possibile ricavare fruttuose vendite o locazioni.

  2. Immobile abitabile, ma con qualche "difetto": la scelta di una eventuale ristrutturazione può dipendere anche da un’attenta analisi dei costi e dei possibili benefici che se ne possono ricavare. Molti clienti sono spaventati dalla prospettiva di importanti e costose ristrutturazioni. A tal proposito, per incentivarli all'acquisto, potrebbe essere vantaggioso consultare un architetto e fornire un possibile progetto di ammodernamento dell’immobile.

  3. Immobile "quasi" perfetto: se l'immobile è in buone condizioni, con solo qualche lavoretto irrisorio da fare, potrebbe essere una buona idea non ristrutturarlo. Molte persone sono attratte dalla prospettiva di poter apportare alcune piccole personalizzazioni al nuovo appartamento.


Una volta condotte queste considerazioni, si può pensare di arredare l'appartamento al meglio per venderlo velocemente, oppure di rivolgersi a un esperto del settore che si occupi della parte burocratica.

87 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti